Abilita la compressione

Questa regola viene attivata quando PageSpeed Insights rileva che le risorse comprimibili sulla pagina non sono state pubblicate con la compressione HTTP.

Panoramica

Molti server web possono comprimere i file in formato gzip prima di inviarli al download, richiamando un modulo di terze parti o utilizzando routine incorporate. Questo può ridurre la quantità di tempo richiesto per scaricare le risorse necessarie a eseguire il rendering del tuo sito web.

Consigli

Devi abilitare la compressione sul server web. Di seguito sono riportati alcuni riferimenti utili ad abilitare la compressione sui server web più comuni:

Domande frequenti

PageSpeed Insights segnala che molti dei miei file di contenuti statici devono essere compressi in formato gzip, ma il mio server web è configurato in modo da pubblicare questi file utilizzando la compressione gzip. Per quale motivo PageSpeed Insights non riconosce la compressione?
I server proxy e i software antivirus possono disabilitare la compressione quando i file vengono scaricati su un computer client. I risultati di PageSpeed Insights si basano sulle intestazioni effettivamente restituite al client. Pertanto, se esegui l'analisi su un computer client che utilizza questo tipo di software antivirus o che si collega a un server proxy intermedio (molti proxy sono trasparenti e potresti non essere nemmeno consapevole di un proxy che interviene tra il client e il server web), questi potrebbero essere la causa del problema.
Per stabilire se la causa è un proxy, puoi utilizzare l'estensione Chrome PageSpeed Insights per esaminare le intestazioni:
  1. Esegui PageSpeed sulla pagina in questione.
  2. Fai clic sulla scheda Mostra risorse.
  3. Espandi l'URL della risorsa che è stata segnalata come non compressa. Vengono visualizzate le intestazioni abbinate a tale risorsa. Se viene visualizzata una risorsa denominata Via,Forwarded o Proxy-Connection, questo indica che tale risorsa è stata pubblicata da un proxy.