Casella di ricerca dei sitelink

Una casella di ricerca dei sitelink consente agli utenti di eseguire ricerche immediate e rapide sul tuo sito o nella tua app dalla pagina dei risultati di ricerca. La casella di ricerca implementa suggerimenti in tempo reale e altre funzionalità.

La Ricerca Google potrebbe mostrare automaticamente una casella di ricerca che ha come ambito il tuo sito web quando viene visualizzato sotto forma di risultato di ricerca, senza necessità di tuoi interventi aggiuntivi. Questa casella di ricerca è basata sulla tecnologia della Ricerca Google. Tuttavia, puoi fornire informazioni esplicite aggiungendo dati strutturati WebSite, che possono consentire a Google di comprendere meglio il tuo sito.

Se la Ricerca Google ha già mostrato una casella di ricerca dei sitelink per il tuo sito, puoi controllare determinati aspetti della casella aggiungendo dati strutturati WebSite.

Come implementare la casella di ricerca dei sitelink

Svolgi i passaggi descritti di seguito per rendere il tuo sito idoneo alla visualizzazione con una casella di ricerca nei risultati della Ricerca Google:

  1. Installa un motore di ricerca funzionante sul tuo sito web o nella tua app Android.

    Le query di ricerca dei sitelink inviano l'utente alla pagina dei risultati di ricerca per il tuo sito o la tua app, quindi è necessario un motore di ricerca funzionante per supportare questa funzionalità.

    • Siti web: imposta un motore di ricerca sul tuo sito web. Questa funzionalità inoltra la query dell'utente al tuo target utilizzando la sintassi specificata nei dati strutturati. Il tuo motore di ricerca deve supportare le query con codifica UTF-8.
    • App: consulta la Panoramica sulla ricerca sul sito per sviluppatori Android per scoprire come implementare un motore di ricerca per la tua app. L'app Android deve supportare un intent ACTION_VIEW dai risultati di ricerca, specificando l'URI di dati corrispondente nella proprietà potentialAction.target del markup.
  2. Implementa l'elemento di dati strutturati WebSite nella home page del tuo sito. Per attivare questa funzionalità, un'app deve avere un sito web associato, anche composto da una sola pagina. Alcune linee guida aggiuntive:
    • Aggiungi questo markup solo alla home page, non ad altre pagine.
    • Specifica sempre una SearchAction per il sito web e, facoltativamente, un'altra se supporta la ricerca di app. Devi sempre avere una SearchAction per il sito web anche se l'app è il tuo target di ricerca preferito; ciò garantisce che, se l'utente non sta effettuando ricerche da un telefono Android o non ha installato la tua app Android, il risultato della ricerca lo indirizzi al tuo sito web.
    • In base al formato che utilizzi, scopri dove inserire i dati strutturati nella pagina.
  3. Segui le linee guida.
  4. Convalida il codice utilizzando lo strumento Test dei risultati multimediali.
  5. Verifica l'implementazione del tuo motore di ricerca copiando l'URL WebSite.potentialAction.target dai tuoi dati strutturati, sostituendo {search_term_string} con una query di prova e aprendo l'URL in un browser web. Ad esempio, se il tuo sito web è example.com e vuoi testare la query "kittens", devi andare su https://www.example.com/search/?q=kittens.
  6. Imposta un URL canonico preferito per la home page del tuo dominio utilizzando l'elemento link rel="canonical" su tutte le varianti della home page. In questo modo la Ricerca Google sceglierà l'URL corretto per il markup. Il tuo server deve supportare la codifica dei caratteri UTF-8.
  7. Per le app, abilita i filtri per intent appropriati per supportare l'URL specificato nel target dell'app del tuo markup. Per un esempio di come creare filtri per intent per gli URL della Ricerca Google, consulta la documentazione sull'indicizzazione delle app di Firebase per Android.
  8. Implementa alcune pagine che includono dati strutturati e utilizza lo strumento Controllo URL per verificare come Google vede la pagina. Assicurati che la pagina sia accessibile per Google e che non venga bloccata da file robots.txt, tag noindex o requisiti di accesso. Se la pagina non presenta problemi, puoi chiedere a Google di ripetere la scansione degli URL.
  9. Per tenere Google informata delle future modifiche, ti consigliamo di inviare una Sitemap. Puoi automatizzare questa operazione con l'API Search Console Sitemap.

Esempio

Ecco un esempio di risultato di ricerca per "Pinterest" su Google che restituisce una casella di ricerca dei sitelink per il sito web di Pinterest:

Casella di ricerca dei sitelink in uso

Ecco alcuni esempi di markup con implementazione di una casella di ricerca dei sitelink che utilizza il motore di ricerca personalizzato del sito web:

JSON-LD

Ecco un esempio in formato JSON-LD:


<html>
  <head>
    <title>The title of the page</title>
    <script type="application/ld+json">
    {
      "@context": "https://schema.org",
      "@type": "WebSite",
      "url": "https://www.example.com/",
      "potentialAction": {
        "@type": "SearchAction",
        "target": {
          "@type": "EntryPoint",
          "urlTemplate": "https://query.example.com/search?q={search_term_string}"
        },
        "query-input": "required name=search_term_string"
      }
    }
    </script>
  </head>
  <body>
  </body>
</html>
Microdati

Ecco un esempio nel formato Microdati:


<div itemscope itemtype="https://schema.org/WebSite">
  <meta itemprop="url" content="https://www.example.com/"/>
  <form itemprop="potentialAction" itemscope itemtype="https://schema.org/SearchAction">
    <meta itemprop="target" content="https://query.example.com/search?q={search_term_string}"/>
    <input itemprop="query-input" type="text" name="search_term_string" required/>
    <input type="submit"/>
  </form>
</div>
  

Ecco un esempio di un sito e di un'app con il formato JSON-LD:

<html>
  <head>
    <title>The title of the page</title>
    <script type="application/ld+json">
    {
      "@context": "https://schema.org",
      "@type": "WebSite",
      "url": "https://www.example.com/",
      "potentialAction": [{
        "@type": "SearchAction",
        "target": {
          "@type": "EntryPoint",
          "urlTemplate": "https://query.example.com/search?q={search_term_string}"
        },
        "query-input": "required name=search_term_string"
      },{
        "@type": "SearchAction",
        "target": {
          "@type": "EntryPoint",
          "urlTemplate": "android-app://com.example/https/query.example.com/search/?q={search_term_string}"
        },
        "query-input": "required name=search_term_string"
      }]
    }
    </script>
  </head>
  <body>
  </body>
</html>

Linee guida

Devi seguire le presenti linee guida affinché il tuo sito sia idoneo ad apparire come risultato multimediale.

La Ricerca Google può scegliere di aggiungere una casella di ricerca dei sitelink al tuo sito anche se non include i dati strutturati qui descritti. Tuttavia, puoi evitare questo comportamento aggiungendo il seguente meta tag alla home page:

<meta name="google" content="nositelinkssearchbox" />

Definizioni dei tipi di dati strutturati

Per rendere i tuoi contenuti idonei per la visualizzazione con una casella di ricerca dei sitelink, includi le proprietà obbligatorie.

Tipo WebSite modificato

La Ricerca Google utilizza un tipo di dati strutturati WebSite modificato per le caselle di ricerca sia di siti web che di app. La definizione completa di WebSite è fornita su schema.org, sebbene la Ricerca Google devii leggermente dallo standard. La descrizione mostrata di seguito è definitiva.

Proprietà obbligatorie
potentialAction

Array di uno o due oggetti SearchAction

Questo oggetto descrive l'URI a cui inviare la query e la sintassi della richiesta inviata. È necessario implementare una pagina web o un gestore di intent che può ricevere la richiesta ed eseguire una ricerca appropriata sulla stringa inviata. Se l'utente non sta usando un'app Android (o sta usando un'app Android ma non ha specificato un target di intent Android), la casella di ricerca invierà la versione per sito web della query alla posizione specificata; se l'utente sta usando un dispositivo Android e ha specificato un URI di intent Android, invierà tale intent.

Devi sempre creare una SearchAction per sito web per attivare lo scenario di ricerca desktop. Se supporti anche la ricerca di app, puoi specificare un ulteriore oggetto SearchAction per la tua app. Ogni oggetto SearchAction ha i seguenti membri:

Esempio per sito web

L'esempio seguente invia una richiesta GET a https://query.example.com/search?q=user%20search%20string.


"potentialAction": [{
  "@type": "SearchAction",
  "target": {
    "@type": "EntryPoint",
    "urlTemplate": "https://query.example.com/search?q={search_term_string}"
  }
  "query-input": "required name=search_term_string"
}]

Esempio per app

L'esempio seguente invia un intent Android a android-app://com.example/https/query.example.com/search/?q=user_search_string.


"potentialAction": [{
  "@type": "SearchAction",
  "target": {
    "@type": "EntryPoint",
    "urlTemplate": "android-app://com.example/https/query.example.com/search/?q={search_term_string}"
  }
  "query-input": "required name=search_term_string"
}]
potentialAction.query-input

Text

Utilizza la stringa con valore letterale required name = search-term o qualsiasi altro segnaposto utilizzato in target. Assicurati che entrambi i valori segnaposto corrispondano. Ad esempio, entrambi i valori segnaposto nelle proprietà target e query-input utilizzano la stringa search-term:


"potentialAction": [{
  "@type": "SearchAction",
  "target": {
    "@type": "EntryPoint",
    "urlTemplate": "https://query.example.com/search?q={search-term}"
  }
  "query-input": "required name=search-term"
}]
potentialAction.target

EntryPoint

Un oggetto EntryPoint con una proprietà urlTemplate.

urlTemplate deve essere una stringa nel seguente formato: search_handler_uri{search_term_string}

Ad esempio:

https://query.example.com/search?q={search_term_string}
search_handler_uri Per i siti web, l'URL del gestore che deve ricevere e gestire la query di ricerca; per le app, l'URI del gestore di intent per il tuo motore di ricerca che dovrebbe gestire le query.
search_term_string

Una stringa segnaposto sostituita dalla query di ricerca dell'utente quando l'utente fa clic sul pulsante "Cerca" nella casella di ricerca. Assicurati che qualsiasi stringa segnaposto utilizzata qui corrisponda anche al valore dell'elemento name per la proprietà query-input.

url

URL

Specifica l'URL del sito. Imposta la home page canonica del tuo sito. Ad esempio: https://www.example.org

Monitorare i risultati multimediali con Search Console

Search Console è uno strumento che consente di monitorare il rendimento delle tue pagine in Ricerca Google. Registrarsi in Search Console non è obbligatorio per essere inclusi nei risultati di Ricerca Google, ma può aiutarti a capire e migliorare il modo in cui Google vede il tuo sito. Ti consigliamo di controllare Search Console nei seguenti casi:

  1. Dopo aver effettuato il deployment dei dati strutturati per la prima volta
  2. Dopo aver rilasciato nuovi modelli o aggiornato il codice
  3. Analisi periodica del traffico

Dopo aver effettuato il deployment dei dati strutturati per la prima volta

Dopo che Google ha indicizzato le tue pagine, cerca i problemi utilizzando il rapporto sullo stato dei risultati multimediali pertinente. Idealmente, dovresti notare un aumento delle pagine e nessun aumento di errori o avvisi. Se riscontri problemi nei dati strutturati:

  1. Correggi gli errori.
  2. Controlla un URL pubblicato per verificare se il problema persiste.
  3. Richiedi la convalida utilizzando il rapporto sullo stato.

Dopo aver rilasciato nuovi modelli o aggiornato il codice

Quando apporti modifiche significative al tuo sito web, monitora l'aumento degli errori e degli avvisi relativi ai dati strutturati.
  • Se vedi un aumento di errori, forse hai implementato un nuovo modello non funzionante oppure il tuo sito interagisce con il modello esistente in modo nuovo ma non corretto.
  • Se noti una diminuzione degli elementi validi (non associata a un aumento degli errori), forse non stai più incorporando dati strutturati nelle tue pagine. Utilizza lo strumento Controllo URL per scoprire la causa del problema.

Analisi periodica del traffico

Analizza il traffico di Ricerca Google utilizzando il rapporto sul rendimento. I dati mostrano la frequenza con cui la pagina viene visualizzata nei risultati multimediali nella Ricerca, la frequenza con cui gli utenti fanno clic e qual è la posizione media che visualizzi nei risultati di ricerca. Puoi anche estrarre automaticamente questi risultati con l'API Search Console.

Risoluzione dei problemi

Se hai difficoltà con l'implementazione o il debug dei dati strutturati, ecco alcune risorse che potrebbero esserti utili.