Pulizie di primavera: ritiro dello strumento Parametri URL

Mantieni tutto organizzato con le raccolte Salva e classifica i contenuti in base alle tue preferenze.

Lunedì 28 marzo 2022

In breve: ritireremo lo strumento Parametri URL in Search Console tra un mese. Non è richiesto alcun intervento da parte degli attuali utenti dello strumento.

Screenshot dello strumento Parametri URL al momento del lancio
Lo strumento Parametri URL nel 2009

Quando lo strumento Parametri URL è stato lanciato nel 2009 nella versione precedente di Search Console, Strumenti per i Webmaster, Internet era un posto molto più selvaggio di quanto non lo sia oggi. I parametri SessionID erano molto comuni, i CMS avevano problemi a organizzare i parametri, mentre i browser spesso danneggiavano i link. Con lo strumento Parametri URL, i proprietari dei siti disponevano di un controllo granulare sul modo in cui Google eseguiva la scansione dei loro siti specificando in che modo determinati parametri influivano sui contenuti dei siti.

Nel corso degli anni, Google è migliorata molto nell'indovinare quali parametri su un sito sono utili e quali, senza troppi giri di parole, sono inutili. Di fatto, solo l'1% circa delle configurazioni di parametri attualmente specificati nello strumento Parametri URL è utile per la scansione; a causa dello scarso valore dello strumento sia per gli utenti di Google sia per Search Console, ritireremo lo strumento Parametri URL tra un mese.

In futuro, non dovrete fare nulla per specificare la funzione dei parametri URL sul vostro sito e i crawler di Google impareranno a gestire i parametri URL automaticamente.

Se avete bisogno di maggiore controllo, potete utilizzare le regole del file robots.txt (ad esempio, potete specificare gli ordini dei parametri in un'istruzione allow) o usare hreflang per specificare le varianti linguistiche dei contenuti.

Per domande o commenti, potete contattarci su Twitter.